HOME 2016

slide-1
dick
curar
larsen

PERCORSI TRA ECONOMIA E FELICITÀ

15, 16 e 17 settembre

Mi abbatto e sono felice

spettacolo teatrale

abbatto

La realtà è più avanti

spettacolo teatrale

italia-che-cambia

Tra terra e cielo

trcielo-terra

Impresa, cibo e solidarietà

agricoltura-sociale

Dalla selva oscura, a rivedere le stelle

selva-oscura

A pranzo con Labsus

ecoborgo

Fiera del recupero e riuso

artigiani-riuso

Laboratori di creatività e riuso

labor

Swap Party

swap-party

Aperitivo VOV102

vov rettangolare

STORIE DI ALTRI MONDI

dal 22 settembre al 2 ottobre

Sempre la belva si scatena per paura

spettacolo teatrale

belva

Flow My Tears, Julia Kent

in concerto

julia-kent

Estratti da filmati ispirati a Philip K. Dick

philip k

Aperitivo occitano

aperitivo-occitano

Mobbing dj set

mobbing

Mipam-Mila, un’infanzia tibetana

spettacolo teatrale

mipan

SteDaMaRìc

in concerto

ste

Drum Circle

drum-circle

Kids on stage!

kids

La madre dei mondi

la-madre-dei-mondi

Larsen

in concerto

larsen

L’arte curerà i mondi

arte-curera-il-mondo

Meditazione camminata e seduta

meditazione-seduta

Il Risarcimento

il-risarcimento

A NOI VIVI! L’inferno

spettacolo teatrale

inferno

Dasa, Il bambino che sognava Buddha

spettacolo teatrale

piccolo-buddha

Tra… Shiatsu / Letture / e / Libri

ANMA

Dalla condivisione al silenzio condiviso

condivisione-silenzio

Alberto Ezzu Lux Vocal Ensemble

EZZU

Il rituale dei biglietti

rituale-d

Prendersi cura

prendersi-cura

Cena Vegetariana

cena-vege

Piani paralleli

campane

ROSAGUERRA 1915|1946

L’eroismo al femminile tra le due guerre
Lunedì 7 | giovedì 10 novembre 2016

Marta e Olmo

marta-e-olmo

Alba dell’orrido di Elva

alba-orrido

Il prete giusto

prete

FOCUS DEL SACRO

dal 11 al 19 novembre

ISAO FESTIVAL XXIII EDIZIONE

La terra, la cura, l’eroismo femminile e – naturalmente – A Noi Vivi. È su questi nuclei di senso e ricerca che si orienta la XXIII edizione dell’ISAO FESTIVAL, che conferma e sviluppa la formula che, seguendo il filo delle Cantiche dantesche, intraprende un viaggio triennale e collettivo Alla ricerca della Felicità.

Suddivisa in quattro sezioni e articolata su due macro-fasi, tra settembre e novembre, l’edizione 2016 del Festival parte quindi, dopo il viaggio all’Inferno dello scorso anno, dal Purgatorio, che diviene luogo simbolico dell’umano possibile.

Apre il Festival la sezione Percorsi tra Economia e Felicità (15 – 17 settembre), diretta da Nadia LambiasePaolo Piacenza e Alberto Pagliarino dell’Associazione Pop Economix, in un percorso che vede degli esperti di economia affiancare la direzione generale di Giordano V. Amato e quella di Eliana Cantone per la sezione Storie di altri mondi. Un’incursione, quella nell’economia, che appare sempre più indispensabile per un Festival che si occupa di indagare l’umanità, la società e le comunità negli snodi che portano dall’ordinario al sacro, e viceversa; perché il lavoro compiuto nel primo anno invece di esaurirne il tema ha portato alla luce l’immensità delle implicazioni e le possibili ramificazioni che hanno permesso all’economia di affermarsi con violenza nelle nostre vite quotidiane. Toccati dalla crisi, è nato in noi il desiderio di capire di più, armati di quella curiosità che rende gli artisti capaci di avvicinarsi in modo inconsueto ad argomenti consueti. Proviamo a farlo secondo una prospettiva nuova, secondo un paradigma recente ma dalle radici antiche: quello dell’economia civile.

Il Purgatorio è, in questa sezione, l’occasione per parlare della Terra, dove ci è dato vivere, abitare, custodire e coltivare in un’ottica di collaborazione solidale. A tale proposito, il filosofo e antropologo brasiliano Euclides Mance parla di collaborazione solidale, intesa come “lavoro e consumo condivisi il cui vincolo reciproco fra le persone si manifesta, innanzitutto, con un sentire morale di corresponsabilità per il bem-vivir di tutti e di ciascuno in particolare”. Soggetto protagonista di questa visione diviene l’impresa, quale possibile luogo di trasformazione, creazione, innovazione e passione, tanto di chi ci lavora che del territorio in cui essa è inserita e con cui costruisce nel tempo un significato e una narrazione.

“Anche se amiamo ciò che è spirituale,
non possiamo disprezzare ciò che è terreno”
Joseph Campbell

Anche quest’anno Percorsi tra Economia e Felicità si articolerà su due poli cittadini: Torino, storica capitale industriale d’Italia attraversata da una complessa e difficile trasformazione, e Ivrea, città di Adriano Olivetti come pure della piattaforma open-source Arduino, candidata a essere riconosciuta Patrimonio Mondiale dell’Umanità come Città industriale del XX secolo.

Novità importante, nell’ambito della sezione Storie di altri mondi (22 settembre – 2 ottobre), è LA CURA | IN / OUT, domenica 25 settembre e domenica 2 ottobre, dalle ore 16 alle 24, a San Pietro in Vincoli Zona Teatro. Le due intense giornate sono promosse e organizzate da Il Mutamento Zona CastaliaBelgravia Librerie e AnMa arteShiatsu, un gruppo di lavoro che intende promuovere un progetto che realizzi efficacemente l’incontro di Arte/Corpo/Cultura, sintesi della proposta e delle peculiarità dell’essere umano. A partire delle parole chiave di “Attenzione – Ascolto – Apertura” e “Incontrare – Condividere – Liberare” saranno proposti, spettacoli, performance, concerti, incontri e presentazioni di libri, cucina naturale, trattamenti e massaggi, momenti di condivisione e di raccoglimento.Le giornate saranno arricchite da stand con prodotti e proposte selezionate in coerenza alle tematiche dell’iniziativa.

Il termine “cura” intende suggerire l’idea di una rinnovata attenzione a noi stessi, agli altri, all’ambiente, agli oggetti davvero necessari e a quelli superflui, alle necessità apparentemente necessarie e a quelle superflue. Ci riferiamo a un’attenzione speciale, capace di essere contemporaneamente obiettivo da raggiungere mezzo per farlo; questo genere di attenzione può dare vita a una trasformazione, far intuire una via verso la guarigione, rendere sacro un momento ordinario, creare in noi le condizioni per partecipare, assistere, condividere uno spettacolo, un momento di raccoglimento, del cibo con una qualità straordinaria.
Desideriamo coinvolgere i partecipanti in un’esperienza che ha per centro la riflessione sulla qualità della vita, la qualità delle nostre vite, dai più piccoli, i bambini, fino ai grandi e ai grandissimi, con la ricchezza delle proprie esperienze.

Oltre alle due giornate de LA CURA | IN / OUT, Storie di altri mondi ospiterà spettacoli di teatro di ricerca e innovazione, di teatro sociale e di comunità, due spettacoli con drammaturgia di Giordano V. Amato, selezionati dal bando A NOI VIVI WANTED! rivolto alle compagnie under 35, diversi concerti, tra cui  quello di Julia Kent e due set dei Larsen che presentano il loro nuovo CD.

La giornata di giovedì 22 settembre sarà dedicata a Philip K. Dick e proporrà una serie di artisti e di iniziative ispirate alla sua opera.
Martedì 27 settembre sarà la volta dell’anteprima di “Il Risarcimento”, quasi una favola in musica di Alberto Ezzu per la regia di Franca Dorato.

Le giornate da lunedì 7 a giovedì 10 novembre sono dedicate al Progetto ROSAGUERRA 1915|1946: L’eroismo al femminile tra le due guerre; saranno proposti alcuni spettacoli che indagano la trasformazione del ruolo della donna e la conseguente modificazione sociale nel periodo storico compreso tra la prima guerra mondiale e la prima votazione e suffragio universale in Italia. La giornata di giovedì 10 novembre vedrà l’ospitalità della Compagnia Progetto Cantoregi e il ricordo di Vincenzo Gamna, regista e promotore della Compagnia, recentemente scomparso. Progetto Cantoregi è anche titolare del Festival La Fabbrica delle Idea, partner de Il Mutamento Zona Castalia nel coordinamento A Pelle.

L’11 novembre prenderà il via il Focus dell’ISAO Festival (11 – 27 novembre), sezione conclusiva aperta dalla prima assoluta di A NOI VIVI! Purgatorio, debutto della nuova produzione de Il Mutamento Zona Castalia.
Il Focus dell’ISAO Festival si configura come progetto itinerante in collaborazione con LIVE Piemonte dal Vivo, per realizzare un percorso nel territorio della Regione Piemonte che ha per centro la distribuzione dello spettacolo e la diffusione dell’immagine del Festival, con la convinzione che economia e felicità possono opportunamente convivere.